Il canto del muezzin

Il canto del muezzin

Cala il sole su Kilis e dai minareti delle moschee riecheggia la voce del muezzin che richiama alla preghiera. Il canto, che per cinque volte al giorno viene spinto dal vento, interrompe i pensieri e riporta l’attenzione alla propria anima, anche per chi non è musulmano. La melodiosa invocazione alla fiducia ci sveglia all’alba e ci accompagna durante le visite alle famiglie in uno spirito comune di pace e fratellanza.

 

Dodici fotografie che raccontano la storia di un popolo dimenticato nella terra di mezzo tra il passato cancellato dalla guerra e la miseria del presente dilatata all’infinito.
Dodici pillole di bellezza esposte nella Galleria Boragno da venerdì 22 aprile a domenica 8 maggio per celebrare la resilienza dei sopravvissuti al confine del mondo, in seno alla decima edizione del Festival Fotografico Europeo.

 

DETTAGLI DELLA FOTO:
Stampa Fine Art su carta di qualità Hahnemühle FineArt Baryta 325gsm
Cornice in legno naturale 70×50 cm
Edizione limitata 5 copie
Certificato d’autenticità
Donazione minima per la foto: 250€

 

 

Il canto del muezzin
Date

14 Aprile 2022

Category

Exhibitions, Fine Art, Reportage, Street photography

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi